Prontuario Farmaceutico

Il miglior prontuario farmaceutico

Immucytal OS GRAT 12BUST

Granulato per soluzione orale in bustina/busta singola

€ 20.6

Farmaco etico

Classe C

Principio attivoRibosomal/klebsprotina
GruppoVaccini batterici
ATCJ07AX - Altri vaccini batterici
RicettaRr - ripetibile 10 volte in 6 mesi
SSNNon concedibile
ProduttorePierre fabre pharma srl
ConservazioneNessuna particolare condizione di conservazione
GlutineNon contiene glutine    
LattosioNon contiene lattosio   
Codice AICA026580035

Indicazioni - Posologia - Controindicazioni - Avvertenze e precauzioni - Interazioni - Gravidanza e allattamento - Effetti indesiderati - Conservazione

Indicazioni

Profilassi delle infezioni batteriche ricorrenti delle alte vie respiratorie in bambini con un numero di episodi superiore all’atteso per l’età. Immucytal può contribuire a ridurre il numero e l’intensità degli episodi infettivi.

Posologia

IMMUCYTAL granulato per soluzione orale può essere somministrato ai bambini a partire dai 2 anni di età. IMMUCYTAL compresse è riservato ai bambini di età superiore a 6 anni. Dosaggio: 1° mese: 1 compressa o bustina al mattino a digiuno per 4 giorni consecutivi alla settimana, per 3 settimane consecutive. Dal 2° mese: 1 compressa o bustina al mattino a digiuno per 4 giorni consecutivi al mese, per i successivi 5 mesi. Sciogliere il contenuto della bustina in mezzo bicchiere d’acqua.

Controindicazioni

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti del vaccino elencati al paragrafo 6.1. Malattie autoimmuni. Infezioni intestinali acute.

Avvertenze e precauzioni

Nei soggetti nei quali può essere sospettata una iperreattività è consigliabile adottare un tipo di trattamento a dosi progressivamente crescenti. Il trattamento deve essere sospeso in caso di febbre, in particolare all’inizio del trattamento. Il paziente deve essere informato della possibilità come evento indesiderato raro di febbre elevata oltre i 39°C, isolata e senza cause note ed il tipo di febbre deve essere differenziato dalla febbre che insorge a seguito della patologia originaria, sulla base delle condizioni laringee, nasali o otologiche; nel qual caso il trattamento deve essere sospeso e non ripreso.Deve essere evitata l’assunzione concomitante di un altro immunostimolante. In alcuni casi è stata osservata l’insorgenza di attacchi d’asma in pazienti predisposti dopo l’assunzione di farmaci contenti estratti batterici. In questo caso, Immucytal non deve essere assunto ulteriormente. In caso di reazioni da ipersensibilità il trattamento deve essere interrotto immediatamente e non ripreso. Immucytal non è raccomandato durante la gravidanza. Il farmaco deve essere somministrato soltanto in caso di effettiva necessità sotto il diretto controllo del medico (vedere paragrafo 4.6). Informazioni importanti su alcuni eccipienti Il medicinale contiene sorbitolo, i pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio non devono assumere questo medicinale.

Interazioni

Non sono stati effettuati studi di interazione. Si raccomanda un intervallo di 4 settimane tra la fine del trattamento con Immucytal e l’inizio della somministrazione di un vaccino. La risposta immunitaria può essere inibita nei soggetti con immunodeficit congenito o acquisito, in terapia immunosoppressiva o con corticosteroidi.

Effetti indesiderati

La tabella seguente riporta le reazioni avverse osservate in nove studi clinici comprendenti un totale di 1.231 pazienti trattati con Immucytal per via orale, per le quali la valutazione di causalità era "non esclusa" e nella segnalazione spontanea.Le reazioni avverse sono elencate in accordo alla classificazione MedDRA per sistemi ed organi e sono definite di seguito come: molto comune (≥ 1/10), comune (≥ 1/100, < 1/10), non comune (≥ 1/1.000, < 1/100), raro (≥ 1/10.000, < 1/1.000), molto raro (< 1/10.000) o non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili). Nessuna reazione avversa è risultata di frequenza "molto raro", "raro", o "molto comune" e pertanto queste frequenze non sono riportate nella tabella.

CLASSIFICAZIONE PER SISTEMI ED ORGANI (classificazione MedDRA) COMUNE (da ≥ 1/100 a < 1/10), NON COMUNE (da ≥ 1/1.000 a < 1/100) NON NOTA
Infezioni ed infestazioni Infezione dell’orecchio, naso faringite, tonsillite Bronchite, gastroenterite, sinusite Laringite
Patologie del sistema emolinfopoietico   Linfoadenopatia  
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche   Tosse Asma
Patologie gastrointestinali   Diarrea, dolore addominale, nausea, vomito, ipersecrezione salivare  
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione   Piressia, astenia  
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo     Reazioni cutanee, eritema, eczema, porpora vascolare, eritema nodoso
Disturbi del sistema immunitario     Reazione di ipersensibilità, orticaria, angioedema
Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili

Gravidanza e allattamento

Non vi sono dati riguardanti l’uso di Immucytal in donne in gravidanza. Gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti riguardanti la tossicità riproduttiva. Tuttavia, come misura precauzionale è da evitare l’uso di Immucytal durante la gravidanza e l’allattamento (veder paragrafo 4.4).

Conservazione

Compresse: conservare a temperatura non superiore a 30°C. Granulato per soluzione orale: questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.

About

Creato da Giuseppe Pipero.