Prontuario Farmaceutico

Il miglior prontuario farmaceutico

Tebarat COLL30F0,25ML 0,5MG/ML

Collirio soluzione in contenitore monodose

€ 16.50

Farmaco etico

Classe CN

Principio attivoAzelastina cloridrato
GruppoDecongestionanti ed antiallergici
ATCS01GX07 - Azelastina
RicettaRr - ripetibile 10 volte in 6 mesi
SSNNon concedibile
ProduttoreLaboratorios salvat s.a.
ConservazioneVedere paragrafo 6.4
GlutineNon contiene glutine    
LattosioNon contiene lattosio   
Codice AICA041957034

Indicazioni - Posologia - Controindicazioni - Avvertenze e precauzioni - Interazioni - Gravidanza e allattamento - Effetti indesiderati - Conservazione

Indicazioni

Trattamento e prevenzione dei sintomi della congiuntivite allergica stagionale negli adulti e nei bambini di età pari o superiore a 4 anni. Trattamento dei sintomi della congiuntivite allergica perenne (non stagionale) negli adulti e nei bambini di età pari o superiore a 12 anni.

Posologia

Posologia Congiuntivite allergica stagionale: La dose abituale per adulti e bambini di età pari o superiore a 4 anni è di una goccia in ogni occhio due volte al giorno. Se necessario, la somministrazione può essere aumentata fino a quattro volte al giorno. Se si prevede di entrare in contatto con un allergene, Tebarat dovrebbe essere somministrato come profilassi prima dell’esposizione. Congiuntivite allergica perenne (non stagionale): La dose abituale per adulti e bambini di età pari o superiore a 12 anni è di una goccia in ogni occhio due volte al giorno. Se necessario, la somministrazione può essere aumentata fino a quattro volte al giorno. Poiché sicurezza ed efficacia sono state dimostrate in studi clinici per periodi fino a 6 settimane, la durata di ogni trattamento deve essere limitata ad un periodo massimo di 6 settimane. In caso di utilizzo senza prescrizione medica: nel caso in cui Tebarat venga assunto per un periodo superiore a 6 settimane, il monitoraggio da parte del personale medico è necessario, anche per la congiuntivite allergica stagionale. Popolazione pediatrica L’uso di TEBARAT non è raccomandato in bambini di età inferiore ai 4 anni in quanto non vi sono dati noti circa la sua sicurezza ed efficacia.

Controindicazioni

Ipersensibilità al principio attivo o a uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

Avvertenze e precauzioni

Se i sintomi allergici persistono o peggiorano, si raccomanda di consultare un medico. Tebarat non è indicato per il trattamento di infezioni oculari. Per ulteriori avvertenze vedere i paragrafi 4.5 e 4.6. Si consiglia ai portatori di lenti a contatto di sospenderne l’uso finché i segni e i sintomi acuti della congiuntivite allergica non siano risolti.

Interazioni

Non sono stati condotti studi di interazione specifici. Sono stati effettuati studi di interazione a dosi elevate somministrate per via orale; tuttavia, non sono risultati rilevanti per l’azelastina cloridrato in quanto i livelli sistemici del farmaco dopo la somministrazione del collirio sono risultati nell’ordine del picogrammo.

Effetti indesiderati

Per la classificazione delle reazioni avverse è stata applicata la terminologia MedDRA: molto comune (≥1/10), comune (da ≥1/100 a <1/10), non comune (da ≥1/1000 a <1/100), raro (da ≥1/10.000 a <1/1.000), molto raro (<1/10.000), non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili). Patologie del sistema nervoso Non comune: Sapore amaro. Patologie dell’occhio Comune: irritazione oculare lieve e transitoria. La frequenza di questo effetto indesiderato potrebbe esse inferiore in quanto Tebarat, a differenza di altri prodotti, non contiene cloruro di benzalconio. Disturbi del sistema immunitario Molto raro: reazioni allergiche (ad es. eruzione cutanea e prurito).

Gravidanza e allattamento

Gravidanza Non sono disponibili sufficienti informazioni per stabilire la sicurezza di azelastina cloridrato nelle donne in gravidanza. Gli studi condotti sugli animali hanno mostrato tossicità riproduttiva (vedere paragrafo 5.3). Negli animali oggetto di studio, dosi elevate di azelastina hanno indotto reazioni avverse (morte fetale, ritardo della crescita e malformazioni scheletriche). L’esposizione sistemica in seguito ad applicazione locale oculare è minima (dell’ordine del picogrammo). Pertanto, come misura preventiva, è preferibile evitare l’uso di questo medicinale durante la gravidanza. Allattamento L’azelastina è escreta nel latte materno in basse quantità. Per questa ragione, l’allattamento deve essere interrotto durante il periodo di trattamento con Tebarat.

Conservazione

Conservare il prodotto nella confezione originale per proteggerlo dall’umidità.

About

Creato da Giuseppe Pipero.