Prontuario Farmaceutico

Il miglior prontuario farmaceutico

Abiostil UNG RIN 10G

Unguento rinologico in tubetto

€ 15.00

Farmaco etico

Classe C

Principio attivoNeomicina/eucaliptolo/pino essenza/canfora/mentolo/clorobutanolo
GruppoDecongestionanti nasali ed altre preparaz. per uso topico
ATCR01AX10 - Vari
RicettaRr - ripetibile 10 volte in 6 mesi
SSNNon concedibile
ProduttoreDeca laboratorio chimico srl
ConservazioneNessuna particolare condizione di conservazione
GlutineNon contiene glutine    
LattosioNon contiene lattosio   
Codice AICA010772022

Indicazioni - Posologia - Controindicazioni - Avvertenze e precauzioni - Interazioni - Gravidanza e allattamento - Effetti indesiderati - Conservazione

Indicazioni

Per il trattamento antibiotico delle affezioni rinofaringee sostenute da germi sensibili alla Neomicina.

Posologia

ABIOSTIL è controindicato nei bambini fino ai 30 mesi di età (vedere paragrafo 4.3). La durata del trattamento non deve superare i 3 giorni. Applicare il prodotto nella quantità sufficiente per formare un sottile strato che ricopra la mucosa tre o quattro volte al giorno o secondo prescrizione medica.

Controindicazioni

• Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti • Bambini fino a 30 mesi di età • Bambini con una storia di epilessia o convulsioni febbrili • Nei bambini con predisposizione a laringospasmo e alle convulsioni deve essere usato con precauzione anche se di età superiore.

Avvertenze e precauzioni

Questo prodotto contiene derivati terpenici che, in dosi eccessive, possono provocare disturbi neurologici come convulsioni in neonati e bambini. Il trattamento non deve essere prolungato per più di 3 giorni per i rischi associati all’accumulo di derivati terpenici, quali ad esempio canfora, eucaliptolo, mentolo, pino silvestre essenza (a causa delle loro proprietà lipofiliche non è nota la velocità di metabolismo e smaltimento) nei tessuti e nel cervello, in particolare disturbi neuropsicologici. In caso di comparsa di reazioni di ipersensibilità è necessario interrompere il trattamento ed avvertire il medico al fine, ove del caso, della istituzione di una terapia idonea. L’uso prolungato o ripetuto di prodotti per uso topico può dare origini a fenomeni di sensibilizzazione o sviluppo di infezioni batteriche o fungine non sensibili alla neomicina. E’ possibile un’ipersensibilità crociata verso altri antibiotici del gruppo degli aminoglicosidici. Non deve essere utilizzata una dose superiore a quella raccomandata per evitare un maggior rischio di reazioni avverse al medicinale e i disturbi associati al sovradosaggio (vedere paragrafo 4.9). Il prodotto è infiammabile, non deve essere avvicinato a fiamme.

Interazioni

ABIOSTIL non deve essere usato in concomitanza con altri prodotti (medicinali o cosmetici) contenenti derivati terpenici, indipendentemente dalla via di somministrazione (orale, rettale, cutanea, nasale o inalatoria).

Effetti indesiderati

A causa della presenza di canfora, eucaliptolo, mentolo, pino silvestre essenza e in caso di non osservanza delle dosi raccomandate può presentarsi rischio di convulsioni nei bambini e nei neonati. Localmente segni di ipersensibilità come iperemia e prurito. Per trattamenti prolungati si possono produrre effetti ototossici e nefrotossici connessi con l’uso della neomicina.

Gravidanza e allattamento

Gravidanza Non vi sono o sono disponibili in numero limitato i dati relativi all’uso di neomicina solfato, eucaliptolo, pino silvestre essenza, canfora, mentolo, cloro butanolo in donne in gravidanza. ABIOSTIL non è raccomandato durante la gravidanza e in donne in età fertile che non usano misure contraccettive. Nelle donne in stato di gravidanza usare solo in caso di effettiva necessità e sotto diretto controllo medico. Allattamento Vi sono informazioni insufficienti sull’escrezione di neomicina solfato, eucaliptolo, pino silvestre essenza, canfora, mentolo, cloro butanolo nel latte materno. ABIOSTIL non deve essere utilizzato durante l’allattamento.

Conservazione

Nessuna precauzione particolare.

About

Creato da Giuseppe Pipero.